Certificati bianchi: cambia tutto!

Pubblicata il 28 ottobre la delibera dell’Autorità che rivoluziona i meccanismi dei Titoli di Efficienza Energetica, i cosiddetti “Certificati Bianchi”.

Da tempo si parlava della necessità di rivedere il meccanismo, oggi poco utilizzato e poco premiante: dopo i decreti sulla cogenerazione, ecco che continuano i cambiamenti per ridare respiro e slancio all’efficienza e al risparmio energetico.

Ora vanno capite e studiate le nuove linee guida, ma le prospettive sono molto interessanti!

Le principali novità sono tre: viene introdotto un coefficiente di durabilità (coefficiente tau) che consente di riconoscere un numero maggiore di tee ai progetti in grado di generare risparmi energetici nel corso di molti anni, potranno essere incentivati anche i progetti di dimensioni minori rispetto a prima e saranno pubblicare sul sito dell’AEEG informazioni aggiuntive in relazione alle società di servizi energetici che hanno ottenuto i TEE. Molte ESCO registrate, infatti, non hanno in realtà realizzato interventi o comunque ne hanno realizzati solo in determinati settori: in questo modo gli utenti possono conoscere l’operatività dei diversi attori.

Proviamo a fare un semplice esempio: Intervento di isolamento delle pareti e delle coperture (scheda 6*)

Supponendo di trovarsi in zona climatica E (Nord Italia generico) e dovendo intervenire nel caso peggiore (edifici molto vecchi senza alcun isolamento), con 1000 mq di superficie isolata il Risparmio Lordo di energia primaria conseguibile e riconosciuto fino al 31 ottobre era di 7,7 tep/edificio/anno.



Da novembre, invece, il Risparmio Lordo riconosciuto è pari a 7,7 x 2,91, il nuovo coefficiente di durabilità, ovvero oltre 22 tep.

Inoltre, le nuove dimensioni minime prevedono l’accesso ai meccanismo con soli 20 tep, nel caso di progetti standardizzati quali quello in esame, contro i 25 tep precedenti.

 

Tipologia di progetto

Vecchie Linee Guida

Nuove Linee Guida

Distributori e soggetti obbligati

Altri

Standardizzato

25 tep

20 tep

Analitico

100 tep

50 tep

40 tep

A consuntivo

200 tep

100 tep

60 tep

In buona sostanza si può accedere agli incentivi con interventi di dimensioni più contenute: 22 tep per 5 anni fanno 110 tep, che ad un ipotetico prezzo di circa 100 €/tep sono comunque 11.000 € che possono comunque essere utili, tenendo conto che i Titoli di Efficienza Energetica sono comunque cumulabili con le detrazioni 36% e 55%.

Annoto solamente, che le schede 5*, 6* e 20* sono oggetto di revisione e probabilmente saranno sostituite da una nuova scheda (n. 30) che le ricomprenderà tutte e tre.

Taggato su: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Per ulteriori informazioni visita la pagina sulla privacy.

Chiudi