Come formiche nel traffico…

Su Smarter City rilanciano un paio di progetti per il miglioramento del traffico, parlandone come un’innovazione “peer to peer”.

In realtà si tratta un’altra volta di biomimesi, in pieno spirito Blue Economy. Alcuni ricercatori hanno infatti dimostrato che le formiche, nel loro procedere, si scambiano informazioni sui percorsi, ostacoli, mete e altro al fine di ottimizzare tutte insieme i trasporti. Si tratta di un filone di ricerca nell’ambito di quella che viene chiamata “biologistica“, una logistica di ispirazione biologica.




In questo caso, si tratta nello specifico di un progetto tutto italiano, dell’Università di degli Studi di Trento. Il protocollo di comunicazione peer to peer fa in modo che le macchine in coda possano comunicare tra loro scambiandosi e condividendo informazioni a distanza. La prima vettura coinvolta nella coda lancia il messaggio e le altre lo ritrasmettono dando il via ad una catena di informazioni da un’auto all’altra. La novità dell’invenzione sta nella maggiore rapidità rispetto ai sistemi esistenti e nel raggio di azione per la trasmissione che va dai 300 ai 1000 metri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Per ulteriori informazioni visita la pagina sulla privacy.

Chiudi