2012: previsioni energetiche

Riporto due recenti punti di vista sugli scenari energetici nazionali ed internazionali.

L’Aiee ha presentato i risultati e le stime per il futuro: i primi mesi del 2012, per il comparto energetico nazionale, hanno fatto registrare i peggiori risultati degli ultimi 10 anni.

Secondo un recente report di Bloomberg New Energy Finance, l’anno in corso potrebbe fare registrare per la prima volta da 10 anni, un calo dei volumi di installazioni nel fotovoltaico pari al del 10%.

A fronte di una calo della domanda, l’offerta dovrebbe invece posizionarsi a 38GWp, facendo segnare un nuovo picco nello squilibrio tra domanda e offerta.

Non mancano però alcuni segnali positivi: le rinnovabili, ad esempio, l’anno scorso hanno segnato un significativo balzo in avanti in Italia, seppure il taglio degli incentivi e il blocco degli impianti a terra freneranno molto il fotovoltaico nel 2012; inoltre, le emissioni di CO2 sono tornate ai livelli del 1990 (-16% rispetto al 2005).

Riguardo allo scenario internazionale, lo squilibrio nel mercato del fotovoltaico genererà un’ulteriore taglio dei prezzi.

A sorpresa, infine, nel 2011 il terzo settore per investimenti a livello globale- dopo il solare e l’eolico – è stato quello relativo alle tecnologie legate alle smart-energy, soprattutto smart grid, stoccaggi ed efficienza nei trasporti.

Taggato su: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Per ulteriori informazioni visita la pagina sulla privacy.

Chiudi