Categorie
Edilizia Rifiuti

Disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo

Finalmente, dopo un anno di limbo, è stato pubblicato il nuovo regolamento riguardante la gestione delle terre e rocce da scavo.

Categorie
Ambiente Rifiuti

MUD 2015: scadenza a fine aprile

Anche quest’anno a fine aprile scade il termine per l’invio del Modello Unico Dichiarazione Ambientale (MUD) riguardante i rifiuti prodotti e smaltiti durante il 2014.

La compilazione del MUD annuale può diventare inoltre momento utile per una verifica generale della gestione dei rifiuti, ad esempio della regolarità e conformità della tenuta del registro di carico e scarico e della gestione dei depositi temporanei… sfruttate l’occasione per fare il punto della situazione e riallineare eventuali situazioni non pienamente conformi, aggiornando la gestione anche alle recenti (e imminenti) novità normative.

Con il DPCM 17 dicembre 2014 è stato approvato il nuovo modello MUD (Modello unico di dichiarazione ambientale) che dovrà essere utilizzato per le dichiarazioni effettuate entro il 30 aprile 2015 (e comunque “sino alla piena entrata in operatività del Sistri”) alle Camere di Commercio per i rifiuti prodotti e gestiti nel 2014 e le apparecchiature elettriche ed elettroniche (Aee) immesse sul mercato.

Fino alla piena operatività del Sistri, il MUD dovrà essere presentato sia dai soggetti non obbligati ad aderire al Sistri sia da quelli obbligati (Circolare del ministero dell’Ambiente n. 1/2013 sul Sistri).

Il nuovo modello contiene alcune novità, in particolare in relazione ai rifiuti prodotti in cantieri mobili e agli imballaggi.

Riportiamo un filmato, realizzato da Prometeo Software, che illustra i principi di compilazione del MUD sull’apposito portale.

Studio Cigolotti supporta le aziende per la gestione di questo adempimento, rimaniamo quindi a disposizione per eventuali chiarimenti.

[contact-form-7 404 "Not Found"]
Categorie
In evidenza Rifiuti Risorse idriche Risparmio ed efficienza Sostenibilità Studi e ricerche

La rivoluzione delle risorse

McKinsey ha recentemente curato la pubblicazione di “Resource Revolution: How to Capture the Biggest Business Opportunity in a Century”.

I profeti di sventura possono sbagliare . Essi ritengono che il rapido aumento, nel corso dei prossimi due decenni, di una nuova classe media e la domanda senza precedenti 2,5 miliardi di persone in ambito urbano genererà un declino per il petrolio, il gas, l’acciaio, la disponibilità di terra, cibo, acqua , aria pulita e delle altre materie prime e tutto ciò alimenterà inevitabilmente una crisi economica e ambientale globale. Il nuovo libro di McKinsey, prende sul serio questa sfida, ma arriva esattamente alla conclusione opposta.

Al contrario, nel libro è esposta la possibilità di riuscire a soddisfare questa domanda crescente in modo sostenibile, trasformando questa sfida nella più grande opportunità di business per i prossimi cento anni. La combinazione delle tecnologie dell’informazione, dei materiali su scala nanometrica e del settore biotech con la tecnologia industriale tradizionale può scatenare un cambiamento radicale della produttività delle risorse e generare enormi nuove fonti di profitto. Tuttavia , l’acquisizione di queste opportunità e di business richiederà un approccio completamente nuovo alla gestione.

> Leggi di più

Categorie
Ambiente Rifiuti

Guida alla gestione amministrativa dei rifiuti

Disponibile la Guida aggiornata ad ottobre 2014 curata da Ecocerved scarl, Società per l’Ambiente delle Camere di commercio, nell’ambito di una convenzione regionale sottoscritta con Unioncamere Piemonte, nella quale sono coinvolte le otto Camere di commercio della regione.
La guida illustra le corrette modalità di compilazione del registro di carico e scarico e dei formulari, con esempi chiari ed esaustivi.

> scarica la guida

Categorie
Energia In evidenza Rifiuti Risorse idriche Sostenibilità Sviluppo locale

Bando del Ministero per Carbon Footprint

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta del 25 gennaio l’avviso per il “Bando pubblico per l’accesso al finanziamento, in regime di “de minimis”, di progetti per l’analisi dell’impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti di largo consumo”.

Categorie
Rifiuti Sostenibilità

Ripensare l’ombrello

Un ombrello riciclabile al 100%, confezionato in un unico materiale, il polipropilene, resistente a urti e raffiche di vento senza deformarsi.

Categorie
Blue Economy Rifiuti Sostenibilità Trasporti

Conigli e biocarburante

Chi avrebbe potuto immaginare che un piccolo grazioso roditore potrebbe causare la prossima rivoluzione nella produzione di carburante?

La buona pratica della Blue Economy Initiative di questa settimana riguarda proprio un’innovazione nella produzione di biofuel.

Categorie
Blue Economy Efficienza e risparmio Energia Rifiuti Sviluppo locale

Da erbaccia a lavoro

La buona pratica di questa settimana della Blue Economy riguarda le ortiche.

Nel corso del processo di industrializzazione, abbiamo sostituito i processi produttivi basati su tradizioni antiche e ispirate dalla natura e queste conoscenze sono state parzialmente o completamente perse. La tendenza emergente degli ultimi anni è il recupero di queste tradizioni, in un ottica di innovazione e di uso di nuovi materiali naturali e compositi.

Categorie
Blue Economy Efficienza e risparmio Rifiuti

Super formula per Super antenne

La buona pratica della Blue Economy di questa settimana riguarda le comunicazioni wireless.

La comunicazione wireless è diventata una componente essenziale della vita moderna e sta interessando quasi tutti i settori di business,  dall’industria alla vita privata. La tecnologia richiede antenne per trasmettere segnali da un dispositivo all’altro, e con un numero crescente di dispositivi, occorre disporre di sempre più antenne più potenti posizionate ovunque, con conseguenti impatti paesaggistici ed il rischio di radiazione.

Tuttavia non è né il materiale né il consumo di energia che rende un’antenna più efficiente, ma piuttosto la forma.

Categorie
Blue Economy Rifiuti

Caricare il telefono con la stufa

La buona pratica della Blue Economy di questa settimana riguarda un’innovazione che sarà a breve sul mercato.

La connessione USB, sviluppata negli anni 1990, è in grado di trasmettere i dati dal computer ad altri dispositivi e fornire loro 5 V di alimentazione elettrica in continua. Purtroppo l’elettricità di solito viene dalla rete in alternata si hanno inevitabilmente delle perdite  nella conversione.