Categorie
Sostenibilità

H2020 – Climate Action, Environment, Energy Efficiency and Raw Material

Online i materiali dell’info day nazionale sui bandi 2016-2017 inerente al tema “Climate Action, Environment, Energy Efficiency and Raw Material” in Horizon 2020.

Nel corso della giornata informativa è stato presentato il nuovo piano di lavoro 2016-2017 del tema ‘Climate action, environment, resource efficiency and raw materials’di Horizon 2020.
I relatori della Commissione Europea hanno presentato i bandi 2016-2017 con un focus sulle principali tematiche da questi trattate (e.g. Raw materials, economia circolare, acqua e cambiamento climatico). Un intervento è stato dedicato alla partecipazione italiana nel biennio 2014-2015, seguito dalla presentazione del ruolo dei Punti di Contatto Nazionale. Si è parlato inoltre del programma Life 2014-2020, quale ulteriore programma di finanziamento nel settore dell’ambiente.

> vai al sito APRE

Categorie
Sostenibilità

Richieste di finanziamento degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico

Il Ministero ha comunicato che le richieste di finanziamento degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico saranno acquisiti e valutati solo se inseriti nella banca dati ReNDiS (Repertorio Nazionale Difesa Suolo).

La procedura prevede che le Regioni , ciascuna per il territorio di rispettiva competenza, carichino on line sul sistema ReNDis (Repertorio nazionale degli interventi difesa suolo) le istanze di finanziamento – dotate almeno di una progettazione preliminare – elencandole in base alle priorità accertate attraverso una istruttoria tecnica espletata dalle stesse Regioni, unitamente al progetto ed alle altre informazioni richieste dalla griglia che si pubblica unitamente alla presente.

In tal modo sarà garantita, ai sensi della legge 241 del 1990, la necessaria trasparenza nella programmazione delle risorse finanziarie rese disponibili e la migliore efficacia nell’utilizzo di tali risorse rispetto agli obiettivi di protezione dell’incolumità di persone e beni esposti a rischio idrogeologico.

La necessità di intervenire in maniera organica e sistematica sul dissesto del territorio è acuita e resa urgente dall’evolversi del cambiamento climatico, ormai “accertato” dall’ultimo report IPPC come certo e pressante (per maggiori informazioni, visitate il sito clima2014)

Segnaliamo solo che il sistema ReNDiS è stato interamente strutturato utilizzando solo software opensource, con un notevole risparmio in termini di costi di licenza da parte dell’Amministrazione pubblica.

Categorie
Sostenibilità

Consiglio Europeo: approvati gli obiettivi su clima ed energia al 2030

È arrivata nella notte del 23 la decisione del Consiglio Europeo sugli obiettivi UE 2030 Clima-Energia, che prevede il taglio di emissioni del gas serra del 40% rispetto ai livelli del 1990 e l’incremento delle energie rinnovabili, che dovranno arrivare al 27% dei consumi finali di energia. Si è limitato, invece, al ribasso il target sull’efficienza energetica, ridotto al 27% dal 30% proposto dalla Commissione.

Categorie
In evidenza Sostenibilità

Distuption: anteprima mondiale

Dal 7 settembre è disponibile in streaming il nuovo film che mostra le conseguenze disastrose che l’inazione dei governi e delle organizzazioni internazionali nei confronti dell’avanzata del riscaldamento globale, sta provocando alla popolazione di tutto il mondo.

Il film racconta anche il percorso di preparazione della “marcia per il clima più grande della storia” che si terrà il 21 settembre a New York, due giorni prima dell’inizio dei lavori del summit delle Nazioni Unite. Un momento storico secondo gli autori perché siamo la prima e forse unica generazione che sta vivendo il cambiamento climatico sulla propria pelle, ma siamo anche l’ultima che può fare ancora qualcosa

Categorie
Notizie

Nuove qualifiche per lo Studio Cigolotti

Crediamo che, al di là degli obblighi, la formazione continua sia una risorsa importante per il nostro personale e per poter offrire sempre il servizio migliore ai nostri Clienti.

OHSAS18001TPIn questi mesi abbiamo quindi anche “studiato” e siamo pertanto orgogliosi di poter annunciare che lo Studio ha personale abilitato alla qualifica di auditor di terza parte per i sistemi di Gestione della Sicurezza (secondo lo schema OHSAS 18001), qualifica che si affianca a quella di auditor interno per l’ambiente (ISO 14001): crediamo da sempre che una visione “di sistema” sia indispensabile per poter affrontare con efficacia gli obblighi normativi ed il mercato.climate_change_exeter

Inoltre, abbiamo frequentato e concluso con successo il corso “Climate Change: challenges and solutions” promosso dall’Università di Exeter: crediamo infatti che i cambiamenti climatici siano la più grande e sottovalutata sfida che ci attende e non dobbiamo farci trovare impreparati.

La formazione, comunque, non si ferma qui e nei prossimi mesi continueremo, come nostro solito, a cercare e creare opportunità per non smettere di imparare.

Categorie
Ambiente

Prima Call Life+ Environment e Climate Action

La prima Call per i progetti Life della programmazione 2014-2020 sui sotto programmi “Environment” e “Climate Action” si è aperta oggi.

“Questi fondi – ha dichiarato Connie Hedegaard, Commissaria europea responsabile per l’Azione per il clima – contribuiranno a sviluppare tecnologie di punta a basse emissioni di CO2 e a migliorare le soluzioni climatiche già disponibili. I fondi contribuiranno inoltre a realizzare gli obiettivi strategici e legislativi dell’UE in materia di clima. L’invito odierno a presentare proposte riguarda progetti pilota, di dimostrazione e di migliori pratiche”.

Le organizzazioni interessate sono incoraggiate sviluppare le loro idee di progetti, creando partenariati con le parti interessate pertinenti e individuando sostegni finanziari complementari, inviando la presentazione delle domande entro ottobre 2014.

> approfondisci il programma Life+

Categorie
Sostenibilità

Tutto quello che c’è da sapere sul 5° report IPPC

Gli autori italiani del rapporto spiegano gli impatti, le vulnerabilità e le possibilità di adattarci per affrontare i rischi e cogliere a pieno i benefici del clima che sarà: un interessante e breve video che illustra i contenuti del  5° Rapporto di Valutazione dell’IPCC – WG2: Impatti, Adattamento e Vulnerabilità.

Il video è stato realizzato congiuntamente da: Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti climatici (CMCC), Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM) e International Center for Climate Governance (ICCG).
Il video relativo al terzo e ultimo volume del rapporto, che studia il ruolo delle politiche nella mitigazione dei cambiamenti climatici, sarà pubblicato in occasione della pubblicazione dei risultati, il 14 aprile 2014.

Categorie
Sostenibilità Studi e ricerche Sviluppo locale

Linee guida gestione foreste

L’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) ha pubblicato le linee guida in materia di cambiamento climatico per i gestori forestali, che discutono gli effetti previsti positivi e negativi dei cambiamenti climatici sulla politica, sui fattori sociali, economici e biofisici della foresta.

Le linee guida illustrano le sfide e le opportunità connesse con la mitigazione dei cambiamenti climatici e l’adattamento nelle foreste, il ruolo della gestione forestale sostenibile (SFM), in risposta al cambiamento climatico, i legami tra le politiche sui cambiamenti climatici e gestione forestale, e la vulnerabilità e la valutazione dei rischi. Sono presenti anche quadri di guida per la mitigazione dei cambiamenti climatici e di adattamento attività da svolgere da parte dei gestori forestali.

> Vai alle Linee Guida

Categorie
Sostenibilità Studi e ricerche

Linee guida gestione cambiamento climatico urbano

DHI, società di consulenza danese, ha pubblicato un interessante documento sulla gestione del cambiamento climatico in ambito urbano.

> Vai al documento

Categorie
Kyoto

Emissioni di CO2: mappa interattiva del Guardian

Ci sono molti modi per visualizzare le emissioni di carbonio nel mondo: dalle emissioni totali nazionali o per persona; dalle emissioni attuali di carbonio a quelle storiche, dalla produzione di gas serra al consumo di beni e servizi; dalle emissioni assolute all’intensità di CO2 legate all’economia.

The Guardian propone un’interessante mappa interattiva che consente di esplorare tutte queste misure, ognuna delle quali fornisce una visione diversa. Insieme mettono in evidenza la complessità dei meccanismi legati alla responsabilità per il cambiamento climatico e alcune tensioni al centro dei negoziati sul clima globale.

Buona visione!

[via GenitronSviluppo]