Categorie
Efficienza e risparmio Energia

Raccogliere e analizzare le informazioni sui benefici non energetici

Fresco di stampa un interessante report dell’Aceee in cui viene discusso di come le tecnologie dell’informazione e le reti di comunicazione stanno consentendo nuovi modi di tracciare e analizzare i numerosi benefici del risparmio energetico.

Categorie
Efficienza e risparmio Energia Notizie

Bandi Regione Piemonte: azioni di efficientamento energetico e utilizzo di fonti energetiche rinnovabili

Dal 20 giugno è possibile presentare domande a valere sul bando “efficienza energetica e fonti rinnovabili nelle imprese”, che prevede un meccanismo misto di ingegneria finanziaria e di sovvenzioni a fondo perduto.

Categorie
Sostenibilità

Call 2015 programma Life

Come previsto, il 1° giugno si sono aperte le nuove Call per il programma Life Plus, sia per il sottoprogramma Ambiente che per i sottoprogramma Cambiamenti Climatici. A seconda della tipologia di progetti, le scadenze sono tra il 15 settembre ed il 30 ottobre.

I riferimenti sono innanzitutto i documenti ufficiali, presenti sul sito della Comunità Europea, ma oltre ai documenti relativi alla Call specifica non dimenticate di dare un’occhiata ai progetti già presentati (in particolare ai best projects) e soprattutto, sul tema resilienza, alla pubblicazione della Comunità Europea “URBAN RESILIENCE: LIFE+ projects and European policies“.

Studio Cigolotti, in collaborazione con EmpowerPA, supporta le Pubbliche Amministrazioni nella partecipazione a questo ambizioso ed importante programma, dall’ideazione, al partenariato, sino alla gestione del progetto: non esitate a contattarci per maggiori informazioni.

<form action='http://www Visit Website.studiocigolotti.it/2015/06/02/call-2015-programma-life/#contact-form-2129′ method=’post’ class=’contact-form commentsblock’>


 

Categorie
Notizie Sostenibilità

Cento milioni per i Piccoli Comuni

Sottoscritta da ANCI e dal Ministero la convenzione per la gestione di cento milioni di euro in tre anni stanziati dal decreto Sblocca Italia, destinati ai centri con meno di 5.000 abitanti, in regola con i vincoli di finanza pubblica, per “nuovi progetti d’interventi” suddivisi in tre aree:

  • manutenzione del territorio, attraverso il recupero di volumetrie esistenti e zone abbandonate, e la riduzione del rischio idrogeologico.
  • incremento dell’efficienza energetica nel patrimonio edilizio comunale, oltre alla realizzazione di impianti per produrre e distribuire energia da fonti rinnovabili (ad esempio sistemi fotovoltaici, piccoli impianti idroelettrici, mini pale eoliche, reti di teleriscaldamento con centrali a biomasse).
  • “messa in sicurezza degli edifici pubblici”, con particolare attenzione alle scuole e alle strutture socio-assistenziali

Le richieste di finanziamento dovranno essere nella forbice 100-400.000 euro.

Il tutto è partito in tempi molto rapidi: convenzione sottoscritta a inizio marzo, in Gazzetta a fine aprile e avvio delle domande dopo 15 giorni: dalle ore 9.00 del 13 maggio i Comuni interessati potranno procedere all’invio delle richieste. Saranno ammesse a finanziamento tutte le richieste, poste in ordine di invio fino al raggiungimento dell’importo assegnato per ciascuna Regione e Provincia autonoma prozac medication.

Anche in questo caso, quindi, i Comuni debbono imparare a tenere pronti i progetti: non c’è tempo altrimenti per poter partecipare a questi bandi.  In questo caso, ad esempio, tra i requisiti per l’accesso c’è anche da produrre una Relazione con allegati:
– la delibera di approvazione del progetto, redatto almeno a livello definitivo;
– il cronoprogramma dei lavori;
– il Quadro Economico dell’intervento, redatto ai sensi dell’art. 16 del D.P.R. n.207/2010
– Schema di disciplinare

.. insomma, documenti che per progetti da 100.000 euro non si possono produrre in 15 giorni o in 1 mese!

La grande sfida è quindi recuperare la capacità di progettare, altrimenti è impossibile cogliere le opportunità.

Categorie
Biomasse Energia Sicurezza

Salute e sicurezza negli impianti a biogas

La “corsa” alle rinnovabili ha portato inevitabilmente nuovi rischi in materia di sicurezza e specialmente in luoghi di lavoro che prima avevano una qualche dimestichezza con i rischi derivanti dal comparto agricolo, ben diversi da quanto può derivare da un settore energetico, in particolare con combustione di metano.

La sostenibilità nella produzione di energia non può quindi andare in contrasto con la salute e sicurezza di chi opera nel settore.

Per questo motivo segnaliamo un paio di documenti, il primo legato più specificatamente alle problematiche antincendio ed il secondo invece riguardante le Linee Guida che la Regione Lombardia ha voluto deliberare nel luglio 2014 proprio per la gestione degli impianti.

Categorie
Biomasse Efficienza e risparmio Energia Eolico Geotermico Idroelettrico Nuove tecnologie Solare Studi e ricerche

Energy Technology Perspectives 2014

Pubblicato il report dell’IEA.  Il Rapporto 2014 dell’Agenzia internazionale dell’energia (IEA) mette a disposizione scenari e strumenti tecnici di supporto per la definizione delle politiche per l’innovazione nel settore dell’energia nell’ottica di una quasi totale de-carbonizzazione del sistema energetico entro il 2050. L’analisi della IEA evidenzia come un futuro energetico più sostenibile sia alla nostra portata e come le tecnologie siano l’elemento chiave.

Attraverso la presentazione di diversi scenari alternativi, il Rapporto IEA delinea i possibili percorsi tecnologici da attuare nel breve e medio periodo per gestire la transizione verso un sistema energetico low-carbon, identificando il ruolo attivo dei decisori politici, degli operatori di settore, dell’industria e della ricerca: il rapporto indica inoltre come siano necessarie scelte e azioni rapide e radicali, per rispondere in tempo alle sfide che abbiamo da affrontare.

[slideshare id=34619771&doc=etp2014launchpres-140513082009-phpapp02]

Sul sito dell’IEA è possibile, oltre a scaricare l’executive report, vedere il webcast della presentazione del report e un’infografica interattiva molto chiara ed esplicativa.

Categorie
Blue Economy Sostenibilità

Progetto “Green – Simbiosi Industriale”

E’ online sul sito di Aster la pagina dedicata al Progetto “Green – Simbiosi Industriale”, realizzato da Unioncamere Emilia Romagna e Aster con il supporto scientifico di ENEA UTTAMB.Il progetto, sviluppato tra maggio 2013 e marzo 2014, ha rappresentato la prima esperienza di Simbiosi Industriale in regione.

La Simbiosi Industriale è una strategia per il trasferimento e la condivisione di risorse tra industrie dissimili: materiali residui, sottoprodotti energetici, servizi, capacità. La diffusione e l’adozione di questa metodologia offre uno strumento di relazione che consente di ottenere significativi vantaggi dal punto di vista economico e ambientale, rendendo i sistemi produttivi complessivamente più sostenibili.

Molto positivi i risultati del progetto: sono state individuati 49 possibili percorsi di simbiosi e 90 potenziali sinergie.

Accedi al sito del Progetto “Green – Simbiosi Industriale”

Categorie
Energia

Acqua e sicurezza energetica

La Giornata Mondiale dell’Acqua quest’anno è diventata la giornata dell’acqua e dell’energia.

Le Nazioni Unite, nel riproporre la giornata mondiale istituita nel lontano 1992, hanno quest’anno voluto portare all’attenzione dei cittadini e dei cosidetti “stakeholder” l’importanza che i temi acqua ed energia rivestono: sono infatti molto legati tra loro: sia l’acqua che l’energia sono essenziali per ogni aspetto della vita, sono basilari per i discorsi legati all’equità sociale, alla salute umana, all’integrità degli ecosistemi e alla sostenibilità economica.

In ogni azienda, in ogni realtà, con un semplice “audit” è possibile evidenziare sprechi e potenziali risparmi ed efficienze: l’importante è saper cogliere le sfide che queste giornate ogni tanto ci fanno ritornare in mente.

Le Nazioni Unite hanno addirittura creato una bella e ricca playlist di infografiche e di talk interessanti su youtube per approfondire il tema.

Categorie
Efficienza e risparmio Energia

AEEG delibera la regolazione dei SEU

Dopo quasi 5 anni, finalmente l’Autorità ha definito le regole per i Sistemi Efficienti d’Utenza (SEU).

Con la riunione n.797 del 12 Dicembre scorso, l’AEEG ha approvato la Deliberazione 578/2013/R/EEL, con la quale vengono definite le modalità per la regolazione dei servizi di connessione, misura, trasmissione, distribuzione, dispacciamento e vendita nel caso di configurazioni impiantistiche rientranti nella categoria dei sistemi semplici di produzione e consumo (SSPC), ivi inclusi i sistemi efficienti d’utenza (SEU).

SEU, acronimo di sistemi efficienti di utenza, sono sistemi “in cui un impianto di produzione di energia elettrica, con potenza non superiore a 20 MWe e complessivamente installata sullo stesso sito, alimentato da fonti rinnovabili ovvero in assetto cogenerativo ad alto rendimento, anche nella titolarità di un soggetto diverso dal cliente finale, è direttamente connesso, per il tramite di un collegamento privato senza obbligo di connessione di terzi, all’impianto per il consumo di un solo cliente finale ed è realizzato all’interno dell’area di proprietà o nella piena disponibilità del medesimo cliente“. La deliberazione in questione ha lo scopo di completare il quadro definitorio in materia di sistemi semplici di produzione e consumo, identificando le diverse tipologie di sistemi ammissibili sulla base della normativa primaria esistente. Ciò al fine di chiarire il perimetro entro cui l’attività di trasporto e fornitura di energia elettrica tramite collegamenti privati si configura come attività libera di autoapprovvigionamento energetico e non confligge con lo svolgimento dei pubblici servizi di trasmissione e distribuzione di energia elettrica (servizi questi ultimi che possono essere svolti esclusivamente in regime di concessione).

Per maggiori info:

 

Categorie
Energia In evidenza Solare

Il fotovoltaico residenziale come antidoto agli aumenti del prezzo del gas

Secondo un rapporto pubblicato dalla società di ricerche di mercato britannica GlobalData, il fotovoltaico residenziale potrebbe rappresentare a lungo termine una soluzione contro la crescita dei prezzi del gas prevista per i prossimi anni.