Categorie
Efficienza e risparmio Energia

Raccogliere e analizzare le informazioni sui benefici non energetici

Fresco di stampa un interessante report dell’Aceee in cui viene discusso di come le tecnologie dell’informazione e le reti di comunicazione stanno consentendo nuovi modi di tracciare e analizzare i numerosi benefici del risparmio energetico.

Categorie
Notizie Sostenibilità

Un manuale da ENEA per prendere decisioni sostenibili

Pubblicato da ENEA un volume che si propone come un manuale di supporto alla decisione in materia di ambiente ed energia: non si tratta di un libro di soluzioni, ma di un testo dove il decision maker può trovare un aiuto nel caso in cui si tratti di prendere delle decisioni in materia di ambiente e di energia relative ad un territorio specifico.

I vari temi della sostenibilità sono infatti declinati e approfonditi, fornendo ai decisori un’inquadramento scientifico delle questioni, a supporto delle decisioni.

Quando si affrontano certi temi bisogna infatti partire da domande giuste: cosa si intende oggi per ambiente e sostenibilità, quale è lo stato delle risorse naturali, come l’uomo le ha trasformate a suo vantaggio, come ha occupato gli spazi, quali sono e saranno gli impatti sull’ambiente e, per finire, stabilire una buona agenda per il futuro. Queste domande corrispondono esattamente alle sei parti in cui è stato diviso e sviluppato il volume.

Il volume può quindi interessare anche quanti lavorano nell’ambito della informazione, ad esempio gli studenti che desiderano avvicinarsi a questi temi o i docenti che vogliano approfondire le proprie conoscenze sull’ambiente e sull’energia.

Categorie
Biomasse Energia Eolico Idroelettrico Solare

Fonti rinnovabili oltre le più rosee aspettative

Il recente studio di Bloomberg ha registrato un aumento degli investimenti nelle tecnologie pulite oltre le più rosee aspettative e l’ultimo studio di settore della Deutsche Bank prevede in pochi anni la grid parity del fotovoltaico praticamente dappertutto.dbsolaroutllok2015

Il mercato potenziale cui il fotovoltaico può rivolgersi (diverso dal mercato reale, previsto per il 2015 sui 53-58 GW) passerebbe in 5 anni dai 140 GW/anno attuali a 260 GW/anno e già allo stato attuale il fotovoltaico ha costi di produzione ben al di sotto dei costi dell’elettricità dalla rete in diversi mercati.

Nonostante diverse politiche, alcune anche meno incentivanti, ed il prezzo del petrolio in discesa libera, il settore delle energie e tecnologie pulite continua la sua crescita e si conferma come un settore trainante in tutte le aree del mondo.

 

Categorie
Sostenibilità

Pronti per il cambiamento climatico?

Ogni anno l’Univesità di Notre Dame (in Indiana, USA) elabora il Global Adaptation Index (ND-GAIN), un indice che valuta più di 175 in base alla loro vulnerabilità al cambiamento climatico e alla loro capacità di ad adattarsi alle siccità, agli eventi estremi e disastri naturali che il cambiamento climatico può causare. Tutti i dati elaborati sono inoltre rilasciati con licenze libere, per poter essere analizzati e sottoposti a nuove elaborazioni.

Quest’anno i dati sono stati “tradotti” in un’infografica, che ne rende più agevole la lettura: l’Italia non è certo messa male su base mondiale, ma può ancora migliorare molto, anche perchè gli effetti devastanti si stanno affacciando ora e siamo quindi ancora in tempo per approntare soluzioni “resilienti” ed efficaci.

Categorie
Energia Eolico Solare

Prevedere lo sviluppo delle rinnovabili

In questi giorni è uscito il nuovo report dell’IEA (Agenzia internazionale per l’energia) che contiene le previsioni dello sviluppo delle rinnovabili per i prossimi anni.

Se ne sta parlando un pò in giro, in buona sostanza l’IEA ci dice che la produzione elettrica da fonti rinnovabili nei prossimi 5 anni crescerà del 45% e la potenza del 50%.

Corre l’obbligo però di segnalare che prevedere il futuro non è mai stato molto facile, in particolare per l’IEA.

Negli anni passati, ad esempio, ci è andata sempre più vicino Greenpeace che è certamente di parte ma, col senno di poi, ha sbagliato di poco nelle previsioni.

graph-of-day-greenpeace-590x413

Questo è di buon auspicio per il settore: al di là delle incertezze normative, degli scenari geopolitici relativi alle fonti fossili, le tecnologie stanno crescendo e i costi diminuendo, quindi possiamo continuare, con convinzione, a sostenere un settore che corre e non intende farsi frenare dalle previsioni o dalla politica.

Categorie
Sicurezza

Decreto 231: Pubblicate le nuove Linee Guida di Confindustria

All’esito di un ampio e approfondito lavoro di riesame, Confindustria ha completato i lavori di aggiornamento delle Linee Guida per la costruzione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. n. 231/2001.

La nuova versione adegua il precedente testo del 2008 alle novità legislative, giurisprudenziali e della prassi applicativa nel frattempo intervenute, mantenendo la distinzione tra le due Parti, generale e speciale.

> vedi la notizia sul sito di Confindustria, da cui è possibile scaricare le nuove Linee Guida

Categorie
Sostenibilità Studi e ricerche

7 cose che abbiamo imparato sull’ “impact investing”

Nel 2007 la Rockefeller Foundation lanciò per la prima volta il concetto di “impact investing” come strumento per agire generando benefici positivi sia economici che sociali o ambientali.

Ora lo studio viene ripubblicato, aggiornato con l’esperienza maturata in questi 7 anni e le varie “lezioni” imparate in questi anni di applicazione del “impact investing”.

Con l’occasione segnaliamo anche la recente pubblicazione, sempre della Rockefeller Foundation, “Beyond the Pioneer – getting inclusive industries to scale“.

Di seguito potete vedere un estratto dell’introuduzione della pubblicazione.

[slideshare id=34299758&doc=impactinvestingintroductionrfsite0414-140505124302-phpapp01&type=d]

 

Categorie
Energia

Rinnovabili sempre più imbattibili

In questi ultimi tempi diversi segnali, da istituzioni e aziende di tutto il mondo, stanno evidenziando una strada già tracciata: le rinnovabili come fattore trainante e decisivo per l’approvvigionamento energetico.

Segnaliamo innanzitutto IKEA, un gigante industriale che pondera i suoi passi, ma spesso nel sentiero della sostenibilità. Dopo i centri vendita alimentati con la geotermia, arriva ora a Pisa un impianto fotovoltaico per autoconsumo che – secondo i calcoli del colosso svedese, gli garantirà energia ad un costo dell’elettricità prodotta (Levelized Cost of Electricity – Lcoe) inferiore o pari al costo dell’elettricità venduta dalla rete. E questo non è il primo impianto in autoconsumo in Italia, ma forse allo stato attuale è uno dei più emblematici.

Recentemente sono usciti nuovi studi che paragonano i costi delle principali fonti rinnovabili alle altre fondi: ad esempio con la principale “concorrete” ovvero l’energia nucleare (studio Prognos) o in generale con le fonti fossili (studio Citigroup). I dati sembrerebbero confermare che comunque le fonti rinnovabili, nel ciclo vita d’impianto, costano meno. Tutto questo mentre in Spagna l’eolico supera il nucleare e in generale le rinnovabili coprono il 42% della domanda.

nuclearVSfer

Per ultimo, ma solo per questioni di tempo perchè gli esempi sarebbero davvero tantissimi, Google – insieme a SunPower- hanno messo insieme 250 milioni di dollari per supportare l’adozione residenziale di pannelli fotovoltaici, un vero e proprio sostegno economico per l’acquisto a prezzi più bassi degli impianti. In questo modo i cittadini americani interessati riceveranno i pannelli direttamente dalla joint venture, grazie a una sorta di leasing nella quale guadagneranno tutti: gli utenti finali in bolletta e ovviamente Google e SunPower.

Categorie
Sostenibilità Studi e ricerche

Fare in modo che le politiche per l’innovazione funzionino

Pubblicato un nuovo report dell’OECD – Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) – che esplora i temi emergenti della politica di innovazione per una crescita più inclusiva e sostenibile, sulla base di esempi concreti.

Per rendere il discorso più concreto e pertinente possibile per i professionisti e i decisori politici, sono stati analizzati in dettaglio tre settori emergenti della politica dell’innovazione: l’imprenditorialità innovativa, l’innovazione verde, e l’innovazione “dal basso” (pro-poor or base-of-the-pyramid (BoP) innovation).

> vai al documento Making Innovation Policy Work: Learning from Experimentation

Categorie
Edilizia Sostenibilità Studi e ricerche

Residential Deep Energy Retrofits

L’ACEEE (American Conucil for an Energy-Efficiency Economy) ha appena pubblicato un interessante report che presenta i più recenti risultati in quattro aree principali: misure di retrofit, lavoratori del settore, costi e risparmi energetici. Il lavoro identifica poi le barriere da abbattere al fine di rendere maggiormente applicabile il retrofit profondo di cui gli edifici hanno bisogno.

La necessità di soluzioni innovative per ridurre il consumo energetico residenziale è in crescita. Negli Stati Uniti e in Europa i diversi stati stanno fissando obiettivi sempre più aggressivi di risparmio energetico , così come gli obiettivi di riduzione energetica a lungo termine che richiedono un risparmio ancora maggiore. In California, per esempio, l’obiettivo prevede una riduzione del 40% dell’uso di energia abitazioni esistenti entro il 2020. Oggi sembra un obiettivo ambizioso, considerando che i risparmi provenienti dai più performanti programmi di retrofit residenziale attualmente raggiungono circa il 30%. In realtà nuove esperienze di ricerca e progetti pilota mostrano che un risparmio di oltre il 50% può essere raggiunto attraverso progetti di retrofit energetico profondo.

> leggi il report sul sito ACEEE